medici & salute  - l'informazione medica in Toscana - direttore: Fabrizio Lucarini - webmaster: Maddalena Delli
 

Le nuove frontiere della chirurgia laser mini-invasiva per la cura delle vene varicose
La Casa di Cura San Giuseppe di Arezzo è il primo centro italiano certificato per questa innovativa metodica e punto di riferimento per molti ospedali e Università per questo trattamento che permette interventi brevi e senza ricovero

intervento di chirurgia laser per le vene varicoseSi chiama "trattamento delle varici con laser per via endovasale" (detta EVLT dall'inglese Endo Venous Laser Treatment) ed è l'ultima frontiera della chirurgia laser mini – invasiva per la cura di uno dei problemi delle gambe più frequenti: le vene varicose o varici.

I dati più recenti pubblicati a cura del Collegio Italiano di Flebologia indicano che il 25-30% della popolazione adulta risulta affetta da varici agli arti inferiori, quelle vene tortuose e ben visibili localizzate negli arti inferiori e caratterizzate dall'inversione del flusso del sangue al loro interno che invece di procedere dal piede verso il cuore, ricadono verso il basso per la rottura delle valvole. La conseguenza è un forte ristagno alla gambe e ai piedi con la comparsa di fastidiosi gonfiori, senso di pesantezza, prurito, crampi notturni e vero e proprio dolore nelle forme più dolorose per non parlare poi delle vistose "nodosità" alle gambe così poco accettabili anche sotto il profilo estetico.

vene varicoseCon la nuova terapia chirurgica mini – invasiva le varici sono trattate "dall'interno", senza dover fare incisioni cutanee, ma solo introducendo una fibra laser in vena attraverso un sottile catetere, sotto il controllo di un ecocolordoppler che in pratica "salda" la vena malata senza più la necessità di toglierla. Si tratta di un intervento in anestesia locale che è svolto in tempi rapidi, senza necessità di ricovero, o al massimo in Day Surgery, e con una rapidissima ripresa della normale attività da parte del paziente.

Questa metodica che negli USA ha già ottenuto nel 2001 la certificazione FDA (Food and Drug Administration, l'agenzia federale americana che certifica farmaci e trattamenti medici), si sta diffondendo rapidamente anche in Europa. In Italia la metodica è stata introdotta dall'equipe del dottor Giuliano Magi che con i colleghi Piero Antonelli e Vittorio Nardoianni la utilizza già dal 2001 presso il Centro di Angiologia dott. Giuliano Magidella Casa di Cura San Giuseppe di Arezzo, la prima struttura in Italia ad essere certificata per questo tipo di trattamento e che è divenuta ora centro Certificatore e punto di riferimento per tutti gli altri ospedali italiani pubblici e privati che hanno iniziato ad usare questa metodica.

Sabato 6 marzo proprio nella Casa di Cura San Giuseppe di Arezzo, si sono ritrovati tutti i massimi specialisti del settore della chirurgia vascolare per fare il punto sulle ultime novità di questo trattamento destinato a rivoluzionare le terapie per la cura delle vene varicose delle gambe. Questo importante evento, che sottolinea il ruolo centrale a livello nazionale del Centro di Angiologia della struttura aretina, ha ricevuto il patrocinio dell'Ordine dei Medici di Arezzo, del Collegio Italiano di Flebologia e della Società Italiana di Flebolinfologia. Ha partecipato tra gli altri il prof. Vittorio Virgilio, Direttore della Chirurgia Vascolare dell'Università di Catania.

l'incontro del 6 marzo ad ArezzoDurante l'incontro sono stati effettuati collegamenti in videoconferenza con docenti italiani e stranieri che hanno affrontato gli argomenti di maggiore attualità. Inoltre è stato trasmesso in diretta, nella sala multimediale del Centro, un intervento chirurgico con questa metodica che si stava svolgendo nella sala operatoria della Casa di Cura.

Gli operatori tengono però a sottolineare, per una corretta informazione sanitaria, che la metodica laser non soppianta la chirurgia tradizionale che rimane ancora in molti casi l'unica possibilità di cura ma va ad affiancarsi a questa consentendo in casi ben precisi, ed in particolare in fasi ancora non troppo avanzate della malattia, di ottenere gli stessi risultati della chirurgia tradizionale ma con tutti i vantaggi sopra esposti. E' in sintesi una nuova efficace vantaggiosa arma in più nelle mani dell'angiologo per la cura delle varici.

Per saperne di più www.sangiuseppearezzo.org oppure
Dott. Giuliano Magi
gmagi@studioangiologicomagi.it